venerdì 26 agosto 2016

#48 Cosa penso di...Beethoven e la ragazza coi capelli blu di Matthieu Mantanus |Mini recensione|

Salve miei cari lettori,
in questi giorni il blog è stato un po' messo in pausa, soprattutto per quello che ha colpito il nostro centro Italia, non spenderò molte parole a riguardo: è stato già detto tanto e tante parole sono state inutili a mio parere, siamo fatti così parliamo troppo e a vanvera e sembra che qualcuno cerci tragedie come queste solo per dare aria ai polmoni, ma comunque non sono qui per dare inizio ad inutili polemiche.
(Poi il pc ha deciso di andare per i fatti suoi, perciò ho dovuto formattarlo...ma questa è un'altra storia!)
E così ecco qui la recensione di Beethoven e la ragazza coi capelli blu.

IL LIBROBeethoven e la ragazza coi capelli blu 
di Matthieu Mantanus
Editore: Mondadori
Pagine: 140
Prezzo: 18,00 euro
SINOSSI
Una famosa rockstar, Mark Rochester, sta registrando il nuovo album con la sua band in un casale isolato della campagna toscana. Tra una sessione e l'altra approfondisce il rapporto con Anna, la bassista da poco entrata nel gruppo, e scopre che dietro a questa ventenne dall'aspetto un po' dark, con due grandi cuffie rosse sempre alle orecchie e un ciuffo di capelli blu, si nasconde un'altra persona: una serissima contrabbassista della Philharmonia Orchestra. Giorno dopo giorno, con il suo stile tanto anticonformista quanto appassionato, Anna trascina Mark in un viaggio affascinante e inaspettato nel suo mondo, che spazia dalla "rivoluzione" di Beethoven agli scandalosi valzer di Strauss, dalle provocazioni di Debussy al jazz di Bill Evans, dai balletti di Stravinskji alla musica dei New Trolls. E gli farà capire come quei brani e quei musicisti hanno a che fare con lui e col suo mondo molto più di quanto avrebbe mai immaginato. Beethoven e la ragazza coi capelli blu è una storia della musica in forma di romanzo, come per la filosofia lo è stato Il mondo di Sofia di Jostein Gaarder. Matthieu Mantanus, il direttore d'orchestra noto per aver portato in televisione la "classica in jeans", con questo libro coinvolgente e innovativo ci dimostra che la musica, oggi come ieri, ci racconta chi siamo, ed è materia viva, fresca, vicinissima. Tanto da riuscire a emozionarci come mai avremmo creduto.


RECENSIONE

Potrei definire la lettura di questo libro una 'full immersion' nella musica classica, o semplicemente nella musica, perchè non è fatto di sole semplici parole, questo libro va ascoltato.
Di solito quando leggo non ascolto musica, sono davvero rari i casi in cui lo faccio, ma in questo libro è quasi un obbligo; la musica accompagna il lettore pagina dopo pagina, lasciandolo entrare nel suo misterioso mondo.
Già misterioso.
Perchè la musica ha un suo mondo che si mescola col nostro dove si evolve e cambia, dove assume significati diversi e questo romanzo ci porta in un viaggio alla scoperta di essi.
Per fortuna in questo viaggio non saremo soli, ma avremo una guida: Anna, una giovane musicista che porterà noi e Mark, famosa rockstar, all'interno della meravigliosa storia della musica (sembra l'intro di un documentario, ma okay!)
Questo libro è fatto di tante piccole storie, c'è quella principale di Anna e Mark, ma anche quelle del compositore che viene trattato in ogni capitolo e sono queste che mi hanno incuriosito, pur ascoltando ogni tanto qualche pezzo di musica classica non mi ero mai soffermata mai alle vite dei compositori, forse per pigrizia o forse perchè pensavo fossero noiose e a torto devo ammettere, perchè tutto si può dire tranne che fossero noiose, tormente, difficili, ma non noiose.
Non saprei dirvi quale fra le tante mi ha più affascinato.
Forse Čajkovskij, con la sua tragica storia; un compositore schifo, che non si lascia incantare dalla fama e che per nascondere lo scandalo dovuto omosessualità fu costretto al suicidio dai suoi stessi amici, ma quello che più mi hanno colpito sono state le sue parole,

"Se ho mai conosciuto l'amore, non platonico Sì e no, Ma se mi chiedete se ho conosciuto una competa felicità in amore, allora la mia risposta è no, no, no!!! Ad ogni modo ritengo che a mia musica contenga la risposta a questa domanda".

Il suo è un amore impossibile, un reato ed è proprio lui a scrivere la sinfonia per la storia d'amore impossibile per antonomasia: Romeo e Giulietta.


Bellissima.
Bellissima.
Bellissima!

Oppure potrei parlarvi di Shubert, anche la sua una storia che ha dei lati oscuri, o di Beethoven che continuò a suonare nonostante avesse perso l'udito o di Debussy...ma non lo farò.
No.
Se volete scopripre le loro storie è qualcosa che dovete fare da soli e lascirvi cullare dalla loro musica, sappiate però che hanno  più o meno tutte qualcosa di tragico, di disperato che si concentra tutto nella musica, sono sempre più convinta che serva a curare le ferite dell'anima!

Cosa dire di più?
Questo è un libro per chi è curioso di conoscere qualcosa in più sulla musica classica, un mondo che molti ignorano!
E voi siete appassionati di questo genere o lo evitate?
In entrambi i casi vi consiglio la lettura di questo libricino!

Alla prossima,


12 commenti:

  1. Ciao cara!
    Sembra promettere davvero molto bene questo libro! (Poi io amo la musica *^* quindi pare fare proprio per me! I'm so happy!!! *^*)
    Credo che lo metterò nella mia wishlist :3
    Prima di salutarti, vorrei darti due piccoli consigli per la grafica del blog:
    1. potresti mettere il giustificato ai post; sembrerebbero più ordinati ;).
    2. potresti ingrandire un pochino la misura della scrittura (questa che stai usando secondo me è davvero troppo piccola e spesso faccio fatica a leggere :/).
    Detto questo, ti saluto cara! A presto! <3

    RispondiElimina
  2. E' interessante, mi ha fatto appassionare un po' di più a questo tipo di musica :)
    E grazie per i suggerimenti, sono sempre ben accetti!
    Non avevo mai pensato di usare il giustificato ^^' e adesso ingrandisco un po' il font, che effettivamente è un po' piccolo! :)

    RispondiElimina
  3. La musica classica ha fatto parte della mia infanzia perché la ascoltava sempre mio papà e quindi ho imparato ad apprezzarla anche io. Questo mi sembra il libro giusto per immergermi di nuovo in quelle atmosfere mentali che mi creavo quando sentivo un brano classico da bambina.
    Sicuramente lo leggerò, grazie del suggerimento :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io solo da qualche anno ho imparato ad apprezzarla e questo libro mi ha dato un imput in più per ascoltarla ^^

      Elimina
  4. Wow Grazia mi hai davvero convinta con le tue parole mi piacerebbe proprio leggere questo libro ❤️

    RispondiElimina
  5. Oh, questo libro sembra carinissimo! *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo è :) Soprattutto se ami la musica classica!

      Elimina
  6. Grazie per la recensione Grazia, vola in wishlist! *w*

    RispondiElimina
  7. Complimenti per la recensione, mi hai davvero incuriosita! :)

    RispondiElimina

I vostri commenti mi rendono felice!
Lasciatene uno, vi risponderò con piacere. ♥